Al momento stai visualizzando GLI AROMI  IN CUCINA

GLI AROMI IN CUCINA

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:BLOG
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti

sage-1544883_640Gli aromi in cucina sono molto utilizzati, cerchiamo di scoprire che caratteristiche hanno.

Quanto è piacevole entrare in cucina e sentire l’aroma intenso del rosmarino, della salvia, del sedano o della cipolla ecc., tutti profumi che ci mettono l’acquolina in bocca ma che nello stesso tempo, anche solo con l’odore, svolgono un’azione benefica nel nostro organismo.

Figuriamoci quando queste piante le possiamo anche ingerire, o assumere con decotti e tisane o semplicemente abbinarle ad altri cibi, quali sono i benefici che ne possiamo ricavare.

Il ROSMARINO

(Rosmarinum officinalis), è, nel mondo delle nostre piante locali, quella che ci offre qualcosa di speciale; essa contiene flavonoidi, acidi fenolici, tannini, canfora(non è da meno dell’albero della canfora giapponese). Attiva cuore e circolazione. Si dice che renda “arzilli e arditi”, perciò fa parte degli stimolanti naturali. Ecco perché il succo puro è consigliato alle persone anziane che accusano leggeri stati di debolezza della pressione sanguigna. Usato come olio essenziale è un potente antibatterico e antisettico, utile per il raffreddore, la tosse e la febbre.

Notevole nel rosmarino, oltre alle sostanze odorose, è l’alto contenuto di tannino, con proprietà astringenti, valide per contrastare la diarrea, le emorragie ecc.

Come decotto o infuso è un depurativo del fegato oltre che tonico e digestivo.

(Da non usare in gravidanza)

La SALVIA

(Salvia officinalis) che significa sano, in buona salute, ha come virtù  più importanti la sua azione sui nervi, sui disturbi del sistema neurovegetativo, sull’eccitazione e stanchezza. Essa contiene un’alta percentuale di diversi acidi, di enzimi, di vitamine B1 e C ,di flavonoidi e di sostanze estrogene. Più rilevanti tuttavia sono gli effetti sui sudori notturni, la traspirazione delle mani e dei piedi, delle ascelle e di tutto il corpo negli adolescenti in particolare e nella donna in menopausa. Questi effetti benefici si possono ottenere semplicemente con qualche goccia di olio essenziale nell’acqua del bagno.

La salvia è un potente battericida infatti è indicata nella cura di tosse, raffreddori, asma e irritazioni alla gola. Ottimo per la salute orale e delle gengive semplicemente strofinando le foglie sui denti. Mentre con una semplice tisana di foglie fresche lasciate in infusione in una tazza di acqua bollente, si possono contrastare gli effetti della menopausa come improvvisi attacchi di calore e sudorazione.

Tuttavia bisogna prestare attenzione all’uso dell’olio essenziale di salvia, perché il suo uso protratto a dosi normali o il suo utilizzo ad un dosaggio eccessivo può determinare delle manifestazioni neurotossiche.

(Da non usare in gravidanza)

Il SEDANO

(Apium graveolens) è un ortaggio che non dovrebbe mai mancare nelle nostre tavole per le sue proprietà di leggerezza e per la capacità di contrastare i grassi, stimolante della diuresi e della digestione.

Le fibre di cui il sedano è ricco, aiutano a ridurre i trigliceridi e il colesterolo; la sedanina, una sostanza aromatica stimolante e altre molecole (fenolo, mannite, inositolo) ne potenziano le capacità digestive e di assorbimento dei gas dell’apparato digerente. Mentre la presenza di particolari nutrienti permettono di controllare gli ormoni che regolano la pressione del sangue (molti casi di ipertensione).

E buono consumato crudo, fresco o in succo (centrifugato) è un prezioso alleato contro le infiammazioni come l’acne, bruciori urinari e infiammazioni agli occhi. Stimola inoltre le attività delle ghiandole surrenali e sessuali grazie alla presenza degli ormoni steroidi delta-16.

La CIPOLLA

(Allium cepa) come pianta aromatica risale ai tempi ancestrali ed era considerata non soltanto nutriente e sana, ma faceva spesso  parte di offerte sacre, perciò  la troviamo insieme al non meno apprezzato aglio e scalogno, nelle pitture tombali, inserita in cornucopie o appoggiata sulle mense delle offerte. E uno degli aromi più utilizzati nelle cucine di tutto il mondo.

Di questa pianta viene utilizzato il bulbo che contiene un olio etereo costituito da combinazioni solforose e sali di acidi organici, zuccheri ad azione lassativa e una essenza capace di stimolare l’attività  renale, dopo aver subito l’azione degli enzimi.

Il succo fresco di cipolla stimola l’attività dello stomaco e dell’intestino incrementando le secrezioni, combatte le infezioni intestinali acute, ha una azione diuretica, depurativa e leggermente ipoglicemica.

Queste sono solo una piccolissima parte delle piante aromatiche che possiamo utilizzare in cucina! Abituiamoci ad usarle quotidianamente e la nostra salute ne ricaverà un grande beneficio!

 

Lascia un commento